Orari

Il Museo è aperto solo su appuntamento scrivendo a museo@gracco.it o telefonando allo 0818613784 

I Colori dell'Essenza

Dal 25 marzo 2023 sarà possibile visitare presso il Museo Gracco di Pompei la mostra collettiva di pittura "I Colori dell'Essenza".
In esposizione opere di Antonio Asturi, Renato Balsamo, Gustavo Boldrini, Gennaro Calabrese, Ottavio Caldara, Giuseppe Ferraro, Domenico Fiorentino, Franco Gracco, Tiberio Gracco, Vittorio Miranda, Jbrahim Kodra, Peppe Rosamilia.

La mostra si inquadra nell'ambito dello scopo per cui il maestro Franco Gracco ha fondato il Museo, ovvero documentare l'importanza dell'antica pittura pompeiana nell'arte moderna e contemporanea. Gli antichi maestri di Pompei utilizzavano i colori, nello specifico i pigmenti di origine vegetale o minerale, per rappresentare in chiave simbolica i quattro elementi fondamentali della vita (aria, acqua, fuoco, terra). In particolare attraverso il giallo rappresentavano il mondo delle idee, che ha sede nell' "aria"; attraverso il blu, nelle sue varie declinazioni di tonalità e intensità, descrivevano il mondo dei sentimenti che animano l'essere umano come l' "acqua"; attraverso il rosso evocavano la complessa sfera delle azioni umane, talvolta vivaci come il "fuoco"; e attraverso il nero, o più in generale i colori scuri, indicavano i valori che, come solida "terra", formano il fondamento dell'esistenza.

Se dunque consideriamo le opere degli artisti dal punto di vista di quegli antichi pittori, scopriamo che i colori da essi utilizzati, i primari, e di riflesso i colori secondari e complementari, nel loro ordine, possono fornirci un'inedita "chiave di lettura" per esplorare il mondo delle idee, dei sentimenti, delle azioni, e dei valori, rappresentati nelle loro opere.

Da più parti nel mondo si avverte ormai la necessità di guardare alla realtà che ci circonda con "occhi nuovi", con una nuova consapevolezza delle problematiche che condizionano la nostra esistenza materiale, finalizzata a un impiego più responsabile delle risorse naturali, in armonia con l'ambiente, e a un rapporto più empatico e positivo con i nostri simili.

I "Colori dell'Essenza" possono pertanto rappresentare le forme e le espressioni dell'animo umano che ci rendono al tempo stesso unici e preziosi, quegli atteggiamenti e comportamenti che possono renderci, individualmente e collettivamente, esseri umani migliori. Ciò che gli antichi pittori di Pompei avevano intuito migliaia di anni fa e che è stato preservato, crescendo e sviluppandosi, attraverso i secoli, è ora giunto a maturazione e viene messo a completa disposizione di quanti saranno pronti a coglierne i frutti. Se parliamo in termini di "cambiamento epocale", allora si può affermare che alla fase storica che sta per concludersi seguirà una nuova fase, una nuova "era", che si spera possa fornire gli "strumenti" per costruire un mondo migliore.

pcg

La mostra "I Colori dell'Essenza" sarà visitabile gratuitamente il sabato dalle 10 alle 18 o su appuntamento scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando allo 0818613784.